Come fare sesso anale, la guida definitiva

Come fare sesso anale. La guida completa e definitiva

Con questa guida definitiva vi spiegheremo nei dettagli come fare sesso anale.

Seguiteci passo passo, vedremo come fare sesso anale.

Per alcune donne il sesso anale è la ciliegina sulla torta di una grande e sconvolgente esperienza con il proprio partner.
Ma per altri è più semplicemente qualcosa da provare una volta, uno sfizio da togliersi e da non ripetere mai più, perché purtroppo per molte donne “sesso anale” è sinonimo diretto di DOLORE. ecco una guida che fa al caso tuo.

L’ANALE NON E’ UN PO’… DISGUSTOSO?

  • Pregiudizio comune a molte è quello di considerare disgustoso e sporco il sesso anale. Spesso ci diciamo che “fa troppo male“. Be’, per alcune persone, potrà anche essere vero. Ma tutte dovrebbero riconoscere che il sesso anale, se fatto in maniera corretta, può essere un atto estremamente erotico e piacevole. Se hai voglia di provarlo, probabilmente l’esperienza sarà così divertente che diverrà impossibile eliminare l’ anale dalla tua vita sessuale.

MA, SERIAMENTE… FA MALE?

  • Studi scientifici ci dicono che un dolore iniziale è comune a tutte/i. Ma non è detto che debba necessariamente fare male e ci sono molti modi per imparare a farlo con soddisfazione e appagamento. Tramite il rilassamento e l’eccitazione giuste, entrambi i partner proveranno piacere. Infatti se fa male all’inizio, fermati e ricomincia daccapo. Tornando al punto di partenza, manterrai il giusto tasso di eccitazione che, poi, ti indurrà a ritentare il giochino del sesso anale. Quindi, non scoraggiarti. Adesso ti spiegheremo per bene come fare sesso anale…

COME INCOMINCIARE?

  • La cosa più importante è sentirsi a proprio agio, persino iniziare dal lavarsi bene le mani è di grande d’aiuto. E’ fondamentale andarci piano, fare le cose con calma. Puoi cominciare inserendo delle dita e del lubrificante per abituarsi alla sensazione provocata da una stimolazione del retto. Non dimenticarti delle altre zone erogene: seno, collo, ecc… così da accompagnare dolcemente la stimolazione anale con l’eccitamento generale del tuo corpo.
  • Ecco qui il primo segreto: la sperimentazione di nuovi atti sessuali risulterà sempre più facile quando sei sul punto di venire. Non a caso, quando siamo eccitate, i cambiamenti ormonali hanno sul tuo corpo un effetto palliativo e sedante che aiuta a rilassarsi agevolando la voglia di sperimentare nuove pratiche di stimolazione e penetrazione.

LA PENETRAZIONE E’ INDISPENSABILE?

  • La risposta è NO. All’inizio sono sufficienti le dita o, addirittura, un semplice massaggio esterno alle natiche. Non bisogna avere fretta e andare subito fino in fondo. Prima di praticare la penetrazione, è vivamente consigliato giocare col buchino: premerlo, accarezzarlo attorno crea una certa confidenza e una maggiore abitudine a percepire sensazioni piacevoli provenienti da questa regione del corpo. Come fare sesso anale?

INIZIA COL GIOCARCI DA SOLA

  • I due muscoli dello sfintere non soltanto sono tessuti essenziali allo stato di salute rettale, ma sono fonti di piacere indescrivibile. La loro struttura ad anello controllano tutto ciò che entra e fuoriesce dall’ano, pertanto è necessario sviluppare una certa familiarità coi muscoli esercitandoli e allenandoli. Sotto la doccia o quando ti stai masturbando, prova a inserire un dito ben lubrificato nell’ano: mi raccomando, con gentilezza, lentamente…
    Una volta dentro, contrai i muscoli anulari e rilascia. Ripeti l’esercizio finché non ci provi gusto.

RESPIRA PROFONDAMENTE

  • Trattenere il respiro contribuisce al relax muscolare il quale è il fattore decisivo che determina la corretta esecuzione del sesso anale. E’ risaputo che la respirazione, rilassando lo sfintere muscolare interno, facilita la penetrazione. Assomiglia un po’ a una lezione di Yoga, non ti credi? Ogni volta andrà meglio finché non sarai pronta per condividere la stimolazione anale col tuo partner.

UTILIZZA IL LUBRIFICANTE

  • Per il sesso anale la maggioranza predilige l’uso di un lubrificante al silicone. Ad ogni modo, non importa quale categoria di liquido sceglierai, ciò che importa che sia un additivo che renda il sesso anale più piacevole. Sappi, comunque, che il lubrificante diventerà una scelta obbligata in tutte le occasioni in cui farai sesso anale.

TENTA L’ORALE

  • Se è da un bel po’ che ti diletti a stimolare quella zona, vedi se la stimolazione orale dell’ano ti sembra eccitante e propedeutica a una prima penetrazione. Se provi ancora fastidio, fermati e aspetta che i tuoi muscoli siano di nuovo rilassati prima di ricominciare.

RADDOPPIA IL PIACERE

  • Possiedi una vagina e un clitoride, giusto? Allora usali. Aiutati con un sex toy e penetra la vagina durante l’anale, scoprirai un altro segreto: la pressione totale del cul dé-sac da entrambi i lati. Cul dé sac? Che significa?
    Si tratta della zona perineale interposta fra genitali e ano. Molte donne attribuiscono, difatti, alla pressione del perineo la principale causa del godimento anale.

PROVA LA POSIZIONE DELLA LAP DANCE

  • E’ quella posizione in cui il tuo partner ti penetra, seduto sul divano o su una sedia, mentre tu accomodi il tuo sedere su di lui, proprio come in una lap dance. Si tratta di un gioco molto erotico che ti permette di avere il controllo completo della penetrazione perché sei tu stessa a regolare il ritmo e l’intensità del rapporto anale.

I SEX TOYS

  • Se vuoi davvero espandere le tue sensazioni, cerca di giocare con qualche accessorio, ad esempio, un vibratore. Necessario se vuoi sapere come fare sesso anale.

LA PRUDENZA NON E’ MAI TROPPA

INFINE…

  • Se non sei una “tipa da sesso anale“, non è un problema. Il sesso non prevede che ci siano obblighi o compiti inderogabili. Nel sesso non esiste una lista di “cose da fare” di cui bisogna derubricare tutti i punti. Per vivere una vita sessualmente appagante, una mente aperta ti dà certamente una marcia in più. Se un giorno non ti senti in vena, ci sono tante altre pratiche sessuali con le quali intrattenerti. Non precluderti mai nessuna strada e ricorda che le fantasie sessuali sono percorsi del piacere che cambiano costantemente. Il tuo universo erotico rappresenta la panacea contro ogni male.

 

E’ lecito pensare che il sesso anale sia ancora un tabù?

Emergono spesso sentimenti contrastanti quando si ha a che fare con il desiderio di coinvolgere la zona anale nella nostra vita sessuale. Gli uomini, a volte, vorrebbero provare e anche noi donne- Eppure, già al primo tentativo, ci scappa di dire subito  “NO! LEVATI, LEVATI!” e in seguito ci guardiamo bene dal replicare l’esperienza. Emettiamo una sentenza definitiva e non ci pensiamo più. Ma il dubbio persiste.

Le ragioni che spingono gli uomini a bramare questi tipi di rapporti sono abbastanza evidenti. In effetti, è facile capire che una penetrazione più stringente provochi un piacere maggiore. Oltre tutto, la pornografia ha inevitabilmente contaminato le loro fantasie inducendoli a dare per scontato che tutte le donna adorino essere posseduta ovunque. In realtà, le cose stanno diversamente.

Le statistiche

Secondo uno studio scientifico di due ricercatori croati , Il 79% delle donne dichiara di aver provato dolore durante la prima esperienza anale, sebbene l’iniziale ripulsa decresce velocemente col passare del tempo. Mentre un terzo delle donne ammette di aver tentato pochissimo o per niente l’anale, un altro 58 % lo pratica e lo descrive come un’esperienza eccitante nonché piacevole. E qui casca l’asino!

Conoscere un corpo

Allora vi è una qualche maniera di eroticizzare il dolore, di prendere confidenza con qualcosa che ci sembra scomodo ma che poi scopriamo essere “non poi tanto male”… Il segreto, quindi, è l’auto consapevolezza dei propri limiti, conoscere un corpo, i suoi capricci, i dubbi e le esitazioni dell’essere donna.

Occorre pazienza e determinazione per abituare l’ano al piacere. Iniziamo con piccoli oggetti, partiamo dalle dita, solo successivamente concediamo a giocattoli più grandi il permesso di partecipare. Nessuna fretta. Come fare sesso anale…

Achtung!

Attenzioni allo stresso cronico del condotto rettale e alle contrazioni involontarie: il controllo è una conditio sine qua non, tenetelo bene a mente.

Attenzione ai partner incauti e frettolosi, perché esperienze anali spiacevoli rimangono nella memoria muscolare. Le dottrine religiose orientali, ad esempio, sostengono che la zona anale sia profondamente connessa ai chakra primari da cui partono numerosi flussi energetici che possono rilasciare esplosioni di piacere o rendere stagnante qualsiasi nerbo estatico.

L’energia e le sue qualità si basano sull’equilibrio delle forze, sulla pressione gentili e controllata dei punti nevralgici.

Vi proponiamo vari approcci iniziatici che agevoleranno il vostro percorso di auto-esplorazione. Trucchi, testimonianze e pratiche utili per attraversare il guado insormontabile del sesso anale.
Considerate i prossimi punti come parte di un immaginario foglietto illustrativo da consultare.

 

 

AVVERTENZE PER PRINCIPIANTI

  • ll preservativo non è opzionale perché evita spiacevoli contaminazioni batteriche.
  • L’ igiene non è opzionale.
  • Non alternare mai la penetrazione da un posto ad un altro.
  • Ci vuole una certa dose di prudenza e cortesia quando ci si propone di superare la nostra verginità anale.

AVVERTENZE PER GIA’ INIZIATE

Se l’entrata risulta spiacevole, o in alcuni casi dolorosa, un’uscita improvvisa può essere molto molto peggio! Fa un male cane se si è sbadati nel congedarsi troppo in fretta, non so se mi spiego…
E’ importante andarci piano, limitarsi a movimenti lenti e graduali e, soprattutto, è indispensabile che ci sia COMUNICAZIONE tra noi e i nostri amorevoli,”ricettivi” compagni. Si incomincia prima con la punta del glande e soltanto in seguito, una volta presa fiducia, invitiamo dentro, poco a poco, un centimetro in più, due centimetri, tre centimetri ecc.

AVVERTENZE PER LIVELLI AVANZATI

Se si ha una certa dimestichezza col sesso anale, non vi rimane che far tesoro di un unico consiglio: mai mangiare messicano! Infatti le spezie, una volta digerite, promuovono internamente una maggiore sensibilità dello sfintere. E’ molto difficile metabolizzare senza pericolo queste tipologie di cibi, di contro è molto facile che si possa incorrere in terrificanti infiammazioni dei tessuti interni. Se avete voglia di fare del buono sesso anale, suggerite al vostro fiancé una bella pizza o una serata al ristorante giapponese. Prevenire è meglio che curare…

 

Testimonianze dirette delle nostre lettrici

  • ” Se sei a stomaco vuoto o al contrario gonfia, non ne vale la pena. Senti che stai per farti cacca addosso o per farla sul pene del tuo partner. Ma se sei rilassata e lo fai dolcemente, è un’esperienza euforica. Come fare sesso anale? E’ diverso dal sesso normale perché si sente che si va molto più profondamente. Il sesso anale non mi aiuta però a venire più facilmente. ” Maddalena, 43 anni, avvocato.
  • “Ho sempre avuto paura che potesse fare molto male, ma mi sbagliavo. La mia migliore amica ha provato diverse volte col suo fidanzato ed è riuscita malapena a farlo entrare un po’, nonostante stessero usando tantissimo lubrificante. Il segreto apparentemente è di essere rilassate, cosa molto difficile soprattuto se si è alle prime armi, in realtà sapere che si sta per far entrare qualcosa da dove normalmente dovrebbe uscire porta a contrarre i muscoli del corpo e a rendere l’esperienza molto più dolora di quanto altrimenti sarebbe. Personalmente non sono una fanatica del sesso anale, però il mio fidanzato sì, ed è molto rispettoso e amorevole cercando sempre di non mettermi assolutamente nessun tipo di pressione. E allora mi viene spontaneo premiarlo. Lo facciamo un paio di volte al mese, mi aiuta essere un po’ brilla, di ritorno da una festa o una cena al ristorante. Nelle giuste occasioni aiuta a rendere il sesso più trasgressivo ed eccitante.”
    Maria, 35 anni, manager.

“Il mio primo rapporto sessuale è stato anale”

  • “Non è la peggiore cosa del mondo, esiste di peggio francamente. Però allo stesso tempo non fa proprio per me, nonostante il mio ragazzo mi abbia spinta a provare e riprovare tantissime volte, posso capire perché ad altre piace, ma non è nelle mie corde. Io preferisco guardare il mio partner negli occhi mentre facciamo l’amore, è questo il modo naturale e umano di farlo. Ecco come fare sesso anale. ”
    Caterina, 27 anni, studentessa.
  • “Stranamente il mio primo rapporto sessuale è stato anale. Il mio fidanzato delle superiori era cresciuto con un’educazione fervente cattolica e voleva mantenersi vergine fino al matrimonio, pensa un po’. Mentre a me non importava aspettare, lui mi spiegò che il sesso anale non contava come peccato dal momento che non era destinato alla procreazione. Il fatto che lui fosse molto ben dotato ci obbligò a prendere le cose con molta molta pazienza e usare tantissimo lubrificante. La cosa più strana che notai fu che la penetrazione iniziale mi generava una sensazione come di stringimento alla gola, simile a quella che si sente quando si prende uno spavento. Ma era una sensazione eccitante allo stesso tempo, per niente spaventosa. E’ una lenta e piacevole sensazione lussuriosa di essere gentilmente e benevolmente rigirate dal dentro al fuori. Fu estremamente erotico, e mi diede la consapevolezza che il mio corpo è una gigantesca zona erogena. Scoprii che posso venire tramite la sola stimolazione anale, e il sesso anale è qualcosa che mi piace e mi fa godere tantissimo ancora oggi.”
    Milena, 39 anni, avvocato.

“Il segreto per un buon sesso anale è…”

  • ” Il segreto per un buon sesso anale è avere un partner di cui ci si fida completamente e che sa cosa fare. Questo significa tantissimo lubrificante, cominciare la penetrazione con il dito mignolo, quindi passare a un piccolo sex toy. Una volta superato questo scoglio, il sesso anale può essere favoloso! E’ super intenso, il tuo amante deve essere estremamente delicato e paziente, e bisogna che ti affidi completamente a lui. Non è qualcosa che si può fare con un partner casuale, in un momento qualsiasi, ma una decisione cosciente da prendere in coppia. Nessuno vi corre dietro! Ci vuole tempo, fiducia e comunicazione per fare sì che un atto così fisico si amplifichi e diventi un’occasione imperdibile per connettersi col proprio partner. ”
    Teresa, 51 anni, insegnante di yoga.
  • ” Ho cominciato a giocare col mio ano Novembre dello scorso anno. Prima ero solita pensare al sesso anale come alla cosa più disgustosa di sempre e che avrebbe fatto malissimo. Poi su consiglio di un’amica ho deciso finalmente di affrontare questo taboo procedendo scientificamente. Ho acquistato un vibratore e con molta attenzione e calma ho cominciato a stimolare l’esterno del mio ano gentilmente. Era una bella sensazione e col vibratore sul clitoride ero eccitatissima. Ho inserito il mio dito ed era un po’ strano però decisamente piacevole. Ho deciso allora di comprare dei toys anali.
    L’orgasmo inoltre si sente in tutto il corpo dato che parte da tutta la regione pelvica e non solo dal clitoride. Col tempo ho cominciato a giocare con toys di dimensioni più importanti, e adesso sono arrivata ad usarne uno bello grande che posso inserire a patto di essere molto eccitata, rilassata, ed usare molto lubrificante. Dopo essere diventata con questi “anal plug” ho deciso di essere pronta per il sesso anale vero e proprio. Ed è stato sconvolgente e intensissimo. ”
    Maria, 45 anni, traduttrice.

Il sesso anale come estasi assoluta

  • ” Il sesso anale per me è quanto di più vicino all’estasi assoluta. Mi piace tantissimo fare l’amore con il mio fidanzato e adoro la penetrazione classica, non fraintendetemi, ma l’anale mi manda direttamente in un’altra dimensione. Sono stata restia a provare fino ai trent’anni, poi qualcosa è scattata in me una notte, sarà stata l’intesa che provo col mio uomo attuale, che non ho mai avuto con nessun altro prima, e la sua capacità a mettermi a mio agio, ma la prima volta per me è stata assolutamente indolore e fantastica. Da quel momento è stato impossibile tornare indietro e adesso è il tipo di sesso che preferisco fare e il mio uomo è felicissimo di questo. ”
    Ana, 46 anni, poetessa.
  • ” Credevo che l’orgasmo anale fosse solo una leggenda metropolitana… quanto mi sbagliavo! Dopo anni che lo pratico, pochi mesi fa mi è capitato per la prima volta mentre il mio fidanzato mi stava penetrando da dietro, senza alcuna stimolazione clitoridea o altro, ero stesa passivamente sul letto, e all’improvviso ho sentito come un’esplosione di piacere, diversa ma non meno intensa rispetto all’orgasmo classico. E’ stata una sorpesa sconvolgente che mi ha lasciato appagata, sfatta, piacevolmente distrutta e incapace di muovermi, il mio ragazzo pensava che mi stessi sentendo male… Stavo invece semplicemente vivendo il mio primo bellissimo orgasmo anale!”
    Marika, 28 anni, free-lancer

“Il più fantastico dei piaceri”

  • ” Moltissime amiche parlano del sesso anale come il più fantastico dei piaceri, io sono sempre stata restia a provare immaginando il dolore atroce che ne deriva, e sapendo già che non mi sarebbe piaciuto. Un giorno il mio ragazzo, dopo tantissime insistenze, mi ha convinto a giocarmi la “verginità anale” a calcio balilla… e pensate un po’… ho vinto io! Qualche mese dopo però ho ceduto e gli ho concesso di provare con un mignolino… sono durata 20 secondi prima di giurare a me stessa che mai più nella vita!”
    Charlotte, 29 anni, casalinga
  • ” il segreto per praticare sesso anale è molto semplice, quando io e il mio fidanzato ci accordiamo durante il giorno per una sessione di questo tipo, so che dovrò mangiare leggero, bere molto, ed effettuare una seduta di meditazione di mezz’ora prima di cominciare. In questo modo sono sicura che tutto filerà liscio e l’esperienza sarà delle più sublimi. ”
    Giulia, 33 anni, architetta
  • ” la sodomia è una delle trasgressioni che amo regalarmi quando mi sento in vena di qualcosa di particolare, il mio partner è felicissimo e si sente molto predatore, e io amo dedicarmi a questa pratica e sentirmi preda. E’ come un regredire agli istinti più animali ma non per questo meno degni di essere vissuti. La percezione della sottomissione che ne deriva è indicibile, mi sento sopraffatta, abbandonata, più donna che mai. Poi il giorno dopo torno a essere io quella che comanda nella coppia ”
    Antonia, 35 anni, professoressa
  • ” non molti sanno che non devi per forza ricorrere alla posizione del doggy stile per fare sesso anale. Per me questa posizione è troppo dolorosa. In genere lo facciamo nella posizione del missionario: io sollevo le gambe e in questo modo possiamo guardarci e lui può capire se mi fa male o meno. Certo, la prima volta ti fa comunque male” Marta, 25 anni, cameriera

“Non fa così male”

  • “Che non fa così male. Quando sento che qualcuna crede che con il sesso anale le andrà a fuoco il sedere, mi fa pensare a quando ero un’adolescente e tutti mi dicevano: “La prima volta che farai sesso ti si strapperà l’imene e piangerai un sacco perché fa un male cane.” Ma io ho fatto sesso anale la prima volta con qualcuno che mi portava rispetto e che voleva che anche io mi sentissi bene. È stato bello per entrambi. Per cui sì, forse il sesso anale non è per tutti, ma magari lo è per molta più gente di quello che si pensa”.Antonella, 23 anni, veterinaria
  • “sono stata spinta a fare sesso anale dal mio ragazzo bisessuale, mi ha sorpreso molto questa sua apertura mentale, mi ha raccontato di tutte le sue esperienze e della delizia di questa pratica sodomitica, sono rimasta così affascinata dai racconti e dalle sue avventure nei club berlinesi che non ho potuto che abbandonare tutte le mie resistenze e cedere. Ha saputo guidarmi con delicatezza e garbo, ed è stato il giorno più bello della mia vita.”Daniela, 37 anni, medico
  • “non voglio sentire parlare di anale, sarà anche bello come dicono ma preferisco lasciare altre avventurarsi in queste pratiche. Sono felicissima con quello che ho. La natura ci ha assegnato uno sfintere per espellere cose dal nostro corpo, non per farcele entrare!”Mirella, 25 anni, studentessa

 

In conclusione, adesso sapete come fare sesso anale

Il sesso anale è gioia, trasgressione, piacere, amore, follia.

Qualcosa da provare almeno una volta nella vita.

Speriamo che questa guida vi sia stata di prezioso aiuto.

Fateci conoscere le vostre esperienze amiche, adesso potete dire di saper come fare sesso anale da vere regine della camera da letto.

Godete della vostra vita, siate libere.

Siate voi stesse.

Come fare sesso anale, amen.

Summary
Review Date
Reviewed Item
Come fare sesso anale
Author Rating
51star Come fare sesso anale, la guida definitiva1star Come fare sesso anale, la guida definitiva1star Come fare sesso anale, la guida definitiva1star Come fare sesso anale, la guida definitiva1star Come fare sesso anale, la guida definitiva

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *